I GRASSI OMEGA 3 DEL PESCE CONTRASTANO IL CANCRO, GLI OMEGA 6 LO FACILITANO.



Numerose ricerche indicano che i grassi polinsaturi del pesce ,OMEGA 3   riducono   il rischio     del cancro e ne ostacolano la crescita e la diffusione .


In contrasto i grassi polinsaturi  OMEGA 6 contenuti in numerosi altri alimenti  (carni   di allevamento , latticini , oli di semi, tuorlo)     sviluppano tramite l' ossidazione dell' acido ARACHIDONICO   mediata      attraverso  gli enzimi CICLOSSIGENASI e LIPOSSIGENASI numerosi tipi di    carcinogeni (ad es. LO5-L8-LO12 ) .

LE  CORONAROPATIE   L'ARTRITE   REUMATOIDE,l'ASMA    L'INVECCHIAMENTO,IL CANCRO ,   LE MALATTIE     IMMUNITARIE  ,LE  SINDROMI ALLERGICHE   SONO  CARATTERIZZATE     DALL'  AUMENTATO    LIVELLO DELL'  INTERLEUKINA 1   E    DALL'AUMENTO    DEL  LEUKOTRIENE B4  ORIGINATI DAI  GRASSI OMEGA 6.

L' INTERLEUKINA 1 E' UNA CITOCHINA SECRETA DAI MACROFAGI,    DAI    MONOCITI ,   DALLE     CELLULE DENDRITICHE.

L'INTERLEUKINA 1  RAPPRESENTA UNA PARTE FONDAMENTALE NELLA     RISPOSTA INFIAMMATORIA  ALLE INFEZIONI .

I SOGGETTI AFFETTI DALLE SINDROMI SUDDETTE RISPONDONO       ALLA SOMMINSTRAZIONE DEGLI OMEGA   3    DIMINUENDO     LA QUANTITA'   DELLE CITOKINE.


La produzione della  prostaglandina PGE2 che favorisce la crescita tumorale ed ha originedall'acido arachidonico aumenta   con l' eccessiva alimentazione di OMEGA 6 ed è ridotta dagli acidi OMEGA 3 .
 Numerose    sostanze che derivano tramite ossidazione enzimatica dall'ac. arachidonico (OMEGA6 )favoriscono la crescita e la diffusione delle cellule cancerose .
La definizione di  grassi   OMEGA  6  o  3  è derivata dalla posizione   terza   o sesta del doppio legame contando a partire dal gruppo finale CH3 .
Lo stato di salute    di tutti i soggetti viventi dipende dal rapporto        nella alimentazione    tra grassi polinsaturi OMEGA 6 e OMEGA3 .

 Questo rapporto era nell'uomo del paleolitico di 1/1 , nella dieta dell'uomo di oggi è diventato di 20 o 30 a 1.
Gli OMEGA 3 determinano lo stato   di  flessibilità, permeabilità e mancanza di adesività delle membrane cellulari .
Tanto più le membrane cellulari sono dure ,rigide e impermeabili tanto più gli scambi tra l'esterno e l'interno delle cellule diventano difficili e tanto più aumentano sofferenza , malattie e l'invecchiamento cellulare .

L' ATTUALE RAPPORTO   OMEGA 6  / OMEGA3 di 30/1 O 20/1  PROVOCA DELLE GRAVI  CONSEGUENZE  SULLA SALUTE UMANA E DETERMINA MALATTIE DI MOLTI TIPI.

Gli Esquimesi hanno una scarsa incidenza di malattie cardiovascolari , di morbo di Alzheimer e di cancro benché la loro dieta sia costituita al 50% da grassi provenienti dal pesce tipo OMEGA 3 .
Gli Esquimesi consumano circa 7-10 gr al giorno di OMEGA 3 , gli Americani del Nord consumano 0,12 gr al giorno di OMEGA 3. La struttura delle membrane cellulari è costituita approssimativamente da grassi(40% suddivisi tra fosfolipidi e colesterolo) ,dalle proteine (55% ) circa e in minore proporzione dai carboidrati (5%) .
I GRASSI SATURI ad es. il burro e il lardo ect ,sono solidi sia a temperatura ambiente sia a molto basse temperature .
Questo tipo di grassi rende le membrane dure, rigide e poco permeabili .
I grassi monoinsaturi ad esempio l' olio di oliva ,che sono liquidi a temperatura ambiente e diventano solidi con la bassa temperatura rendono le membrane meno rigide ,i migliori per le membrane anche se soggetti a rapida ossidazione sono i grassi polinsaturi omega 3 , contenuti nelle alghe , nei semi di lino , nelle noci e nel pesce , nelle foglie verdi .
Questi grassi restano liquidi anche a bassissima temperatura , e rendono le membrane cellulari non aderenti , elastiche e permeabili tutte le sostanze .

E' CHIARO CHE LA PERMEABILITA' DELLE MEMBRANE DELLE STRUTTURE CELLULARI DIPENDE DAL TIPO DI ALIMENTAZIONE .

Per concludere i grassi del pesce azzurro polinsaturi OMEGA 3 contenuti nei fosfolipidi delle membrane aumentano l'elasticità e la permeabilità delle pareti cellulari e ne riducono l'aderenza .
In contrasto gli OMEGA 6 , i GRASSI SATURI ,i GRASSI IDROGENATI rendono le membrane dure , poco permeabili e molto aderenti .
In uno studio della ricercatrice dottor.Elaine Hardman dell' Università USA dello Stato della Louisiana si è rilevato che le popolazioni con un alto consumo di pesce , presentano un numero inferiore di casi di cancro della prostata , della mammella e del colon (American Institute for Cancer Research Newsletter 84 summer 2004).
La dottor . Elaine Hardman in questo studio ha anche osservato che gli OMEGA 3 coadiuvano le terapie anticancro e rallentano la crescita tumorale .

Gli organismi dei mammiferi terrestri non riescono a sintetizzare i grassi polinsaturi e devono introdurli con gli alimenti . 
I  grassi essenziali sono necessari per la sintesi delle PROSTAGLANDINE , sostanze composte da 20 atomi di carbonio e per questo motivo definite EICOSANOIDI e di altre importanti sostanze .
Le PROSTAGLANDINE sono necessarie per molte funzioni vitali e la loro mancanza porta alla morte .

L'ACIDO LINOLENICO a 18 atomi di carbonio da origine agli OMEGA 3 :
1) ACIDO EISAPENTANOICO ( EPA)a 20 atomi di carbonio e l' ACIDO DOCOSAESANOICO(DHA) a 22 atomi di carbonio
2)L'ACIDO LINOLEICO a 18 atomi di carbonio da origine all'ACIDO ARACHIDONICO a 20 atomi di carbonio ,OMEGA 6.
L'ACIDO LINOLENICO il precursore degli OMEGA 3 è contenuto nei semi di lino , nelle noci ,mandorle , ,olio di oliva , cavoli ,cavolini di Bruxelles,nelle foglie verdi .

Tutte le cellule dei pesci anche di acqua dolce ma soprattutto in quelle dei mari del Nord contengono gli OMEGA 3 :
acidi ESAPENTANOICO (EPA) contenente 20 atomi di carbonio e DOCOSOESANOICO(DHA) a 22 atomi di carbonio .
Le funzioni degli OMEGA 3 sono molteplici :
1)sono componenti delle membrane cellulari specie negli occhi , nello sperma e nel cervello che rendono più morbide .
2) prevengono le malattie cardiovascolari del 10% alla dose di 1 gr al giorno e prevengono l'arresto cardiaco nel 50% dei casi.
3)gli OMEGA 3 posseggono azione vasodilatatrice e rendendo più morbida e permeabile la parete delle piastrine , dei globuli bianchi e rossi svolgono azione antiadesiva e antiaggregante . Nei pesci le molteplici funzioni dei grassi OMEGA3 permettono la loro sopravvivenza anche a temperature bassissime.
4)gli OMEGA 3 abbassano il tasso dei trigliceridi nei soggetti sofferenti di ipertrigliceridemia
5) l'ACIDO DOCOSOESANOICO(DHA),OMEGA3 è un componente essenziale dei grassi delle membrane delle cellule cerebrali , pertanto esso svolge forte azione terapeutica nelle sindromi depressive e nella prevenzione e cura del morbo di Alzheimer .
6) gli OMEGA 3 sono molto utili nella terapia degli ECZEMI e della PSORIASI contrastando l'azione pro infiammatoria degli OMEGA 6.
7)gli OMEGA3 rendono più fluido il liquido sinoviale e pertanto svolgono azione favorevole sia in tutte le artropatie che nell' artrite reumatoide .

Studi sul rapporto tra i grassi OMEGA 3 e il cancro:


1)una dieta ricca di OMEGA 3 rallenta la crescita del cancro e ne ostacola la diffusione(Galli e coll.1991 Karger,Basel,pag462-476
2)uno studio su 12866 americani ha dimostrato che coloro che seguono una dieta ricca di OMEGA 3 e povera di OMEGA 6 hanno un rischio di morte per il cancro ridotto del 33%.(Dolocek, Nutr. Diet Karger 1991,66:205216)
3)I tessuti di 100 soggetti affetti da cancro della pelle sono stati confrontati coi tessuti di 100 persone sane : è stato osservato che tanto più nella pelle abbondano i grassi OMEGA 6 tanto più aumenta il rischio del cancro.( MacKie , Nutr. And Cancer1987 9205-216)
4)Un confronto tra i tessuti sani e tessuti di cancro cerebrale ha evidenziato che nei tessuti cancerosi esiste un aumento di 4 volte degli OMEGA 6 rispetto agli OMEGA 3 .(Martin e coll.Lipids 1996,31:1238-1288)
5)Nelle donne Islandesi e della Groenlandia , che hanno lasciato la loro dieta ricchissima di OMEGA 3 da carne di foca è stato riscontrato un forte aumento del cancro mammario .(Bjarnason , Int. J Cancer, 1974 ,13:689-696)
6)In uno studio durato 8 anni su 846 uomini si è osservato che coloro che seguivano una dieta ricca di OMEGA 6 avevano un rischio doppio di morire di cancro rispetto a chi seguiva una dieta povera di OMEGA 6.( Pearce and Dayton , The Lancet1971. 464-467)
7) In uno studio sperimentale l'alimentazione con olio di mais molto ricco di OMEGA 6, ha stimolato la crescita di cancro polmonare .(Okuyama, Watanabe ,pag 415)
8)In uno studio sul cancro mammario è stato osservato che gli OMEGA3 svolgono azione protettiva mentre gli OMEGA 6 stimolano la crescita tumorale .(C.L.Williams e coll.Nutrition today , vol 33, num 4 Luglio agosto 1998) .
9)In uno studio su animali alimentati con semi di lino ricchissimi di OMEGA 3 si è ottenuta una riduzione del 50% di cancro mammario, cancro del colon e altri tumori (Serraino e all.Cancer Letters Vol.63-1992Pag159-165)
10) Gli OMEGA 3 danno origine e producono delle sostanze chiamate PROSTAGLANDINE, queste stesse sostanze possono uccidere le cellule del cancro mammario e del cancro polmonare.(Begin e all.Journal Of the National Cancer Institute Vol77(1983) pag 601.
11) In uno studio australiano è stata evidenziata una riduzione del 40% dei casi di melanomi nei soggetti che mangiavano pesce regolarmente .
12) nelle lesioni precancerose della pelle l'anti infiammatorio diclofenac per via locale, che blocca l'enzima CICLOSSIGENASI e gli OMEGA 6 determina

 in molti casi guarigione delle lesioni stesse .

Numerosi meccanismi sono responsabili dell'azione anti tumorale degli OMEGA 3 .
Gli OMEGA 3 competono con gli OMEGA 6 per gli stessi enzimi , gli OMEGA 3 posseggono una azione antinfiammatoria e promuovono la morte delle cellule cancerose , secondo una modernissima interpretazione gli OMEGA 3 rendendo la membrana delle cellule cancerose più permeabile , faciliterebbero il compito dei linfociti, le cellule del sangue che aggrediscono e uccidono le cellule cancerose .

Gli OMEGA 6 , che prendono origine dall'acido LINOLEICO inducono coagulazione , vasocostrizione e l'infiammazione.
Questo tipo di grassi infine promuove la crescita e la moltiplicazione cellulare dei tumori .

Con la ossidazione dell'ACIDO ARACHIDONICO mediata dagli enzimi CICLOSSIGENASI(COX1 e 2) e LIPOOSSIGENASI (5 LO 8LO 15 LO ) vengono prodotte un numeroso gruppo di sostanze :
I LEUCOTRIENI 4 vasocostrittori ,pro infiammatori proallergeni e broncocostrittori ,
il TROMBOSSANO 2 vasocostrittore e coagulante,
le PROSTAGLANDINE ,
le PROSTACICLINE .

Sono state individuate delle LIPOSSIGENASI 5-8-12 PROCARCINOGENE e delle LIPOSSIGENASI 15 -1 e 15-2 ANTICARCINOGENE .

Le fonti principali di OMEGA 6 sono :
gli oli di girasole ,di sesamo , di mais, di cartamo , di soia , i grassi delle carni di allevamento, i grassi dei latticini e i prodotti da forno fatti con questi oli ,il tuorlo di uovo .
La stessa INSULINA secreta in eccesso promuove la sintesi di acido ARACHIDONICO tramite gli enzimi ELONGASI e DESATURASI .

PER CONCLUDERE possiamo dire:


che tutti i mammiferi seguono e anche l'uomo fino alcuni decenni or sono ha seguito una alimentazione con un rapporto OMEGA 6 -OMEGA 3 = 1 / 1.
Attualmente con l ' uso eccessivo alimentare di grassi OMEGA -6 come condimenti , in numerosi alimenti il rapporto tra grassi OMEGA6- OMEGA 3 si è modificato raggiungendo nel mondo occidentale un assurdo valore di OMEGA 6 -OMEGA 3 DI 20/1 o 30 / 1.
LA prevalenza alimentare di OMEGA6 e di ACIDO ARACHIDONICO si traduce nella formazione di numerose sostanze pro infiammatorie, vasocostrittrici, coagulanti, aggreganti e ad azione cancerogena , che modificano la struttura delle membrane .

 

In un WORKSHOP sponsorizzato dall'ISTITUTO NAZIONALE DELLA SALUTE USA IN DATA 7-9 aprile 1999 si consiglia un consumo giornaliero di ACIDO LINOLEICO (OMEGA 6) da 4 a 6,67 grammi e di ACIDO LINOLENICO(OMEGA 3) di 2.22 grammi e di 650 mg di EPA e DHA .

E'anche consigliata una assunzione alimentare media di ACIDO LINOLEICO - ACIDO LINOLEICO leggermente inferiore a 2/1.
Alla luce delle conoscenze più recenti l'alimentazione arricchita di pesce, di alghe e di alimenti contenenti i grassi tipo insaturi OMEGA 3 come (SEMI DI LINO ,NOCI,  ,ALGHE,  ETC.) ostacola e riduce i diffusi danni alle membrane cellulari derivanti dall'uso abnorme e eccessivo di grassi OMEGA 6 , contenuti negli oli di semi ,carne ,latticini ,tuorlo di uovo e prodotti da forno : 
ARTRITE,TUMORI,ICTUS ,INFARTO,IPERTENSIONE,MALATTIE ALLERGICHE,MORBO di ALZHEIMER , DEPRESSIONE, ASMA , DERMATITI sono secondo le ricerche più attuali infatti malattie indotte e favorite dal grave squilibrio esistente nei fosfolipidi di membrana tra grassi OMEGA 6-OMEGA 3.

 

BIBLIOGRAFIA :
Vedi Google e altri portali principali:

1)Omega 6 and cancer (omega 6 e cancro ),
2)Corn oil and cancer(olio di mais e cancro )
3)Maillard e all.Int.J.Cancer98,78-83(2002)
4)Terry P. e all. Cancer Epidemio Biomarkers 2002 Prev 2002 Jan;11:143-5
5)Stoll.BA e all.Br.J Nutr2002 Mar;87(3):193-8
6)Bernard- Gallon D.J. Brit .J. Nutr.April 2002, vol 87,no
4,pp281-289(9)
7)Murray NR e all.J Cell Bol 2002 Jun 10;157(6):915-920
8)Terry P.e all.The Lancet vol 357 Issue 9270June 2001Page 1764
9)Ramesh G. e all. Nutrition (5): 343-7 Sept-Oct 1992
10)Black HS e all.PhotochemPhoto56(2):195-9. August 1992
11)de Bravo e all. Lipids ;26(1)70. Nov1991
12)Beck SA e all.Cancer Res ;52(22):6089-93 Nov
13)Sakaguchi M et all. Anticancer res;10(6):1763-8 Nov -Dec 1990
14)Fritsche KL J Nutr120(12):1601-9 Dec 1990
15)Tarata T e all .Carcinogenesis 11(1):2015-9.
NOV1990.


Dietaweb Home