Richiedi la tua Dieta Personalizzata

Dietaweb.it

Login Form

itendees

SITO 1° CLASSIFICATO IN ITALIA 
E GIA' 1° NEL MONDO PER PROBLEMI DI MEDICINA


COME EVITARE O RIDURRE L'IPERTENSIONE


Il trattamento non farmacologico dell' ipertensione è quanto mai attuale , considerati i risultati che si possono raggiungere modificando il proprio stile di vita.

I cambiamenti dello stile di vita non solo possono prevenire l'insorgenza dell'ipertensione ma sono sopratutto utili nel coadiuvare l'azione dei farmaci per l'ipertensione.

Leggi tutto...

 SALE  ,  INFARTI E  ICTUS .

 

 

Il   consumo attuale di sale in Europa è di circa  12 gr al giorno( 4800 mg di sodio) , 10 volte   il fabbisogno fisiologico minimo di sodio ,pari  a 400 mg al giorno .

 

Le  raccomandazioni   scientifiche consigliano una riduzione a 5-6 grammi di cloruro di sodio  al giorno .

Leggi tutto...


COME RIDURRE IL RISCHIO DEL CANCRO

Il cancro non è una singola malattia, ma con questo nome si definiscono più di 100 malattie, legate da una unica caratteristica: l'incontrollabile riproduzione di cellule anomale.
Una grande quantità di studi dimostra che gli alimenti svolgono un ruolo fondamentale nel ridurre o nel favorire il rischio del cancro, nella prevenzione del cancro, nel progredire del cancro.

Leggi tutto...


LE VIE NASCOSTE DEL SALE

Normalmente l'uomo introduce sodio attraverso il cloruro di sodio o NACL,il sale da cucina.
Il cloruro di sodio è una miscela di sodio e cloro, nella misura del 40% di sodio e del 60 % di cloro, il sale è igroscopico cioè assorbe acqua dall'atmosfera.
Il fabbisogno di sale è di circa 500 mg al giorno ,pari a 0,2 grammi di sodio ( fonte American Heart Association ) ma il consumo è di gran lunga superiore, negli USA si aggira da 6 a 18 gr di sale al giorno, nel Giappone del nord arriva a 24 grammi al giorno .

La riduzione del consumo di sale può ridurre o evitare l'ipertensione, fattore di rischio per l'ictus e le malattie cardiache.

Leggi tutto...

I Pesticidi

I pesticidi sono tutte le sostanze o miscele di sostanze che uccidono o controllano agenti biotici contaminanti come insetti, funghi, muffe, roditori, erbe o nematodi. Sono pesticidi anche i regolatori delle piante, le sostanze defolianti, le sostanze usate per il controllo dei germi, eccetto quelli che si trovano nel corpo umano. I pesticidi leggeri ( non persistenti) sono composti a base di pesticidi rapidamente biodegradabili con un' emivita di pochi giorni. I pesticidi pesanti (persistenti) sono composti che rimangono nell' ambiente per periodi di tempo relativamente lunghi. L'estensione della loro persistenza dipende da molti fattori: il tipo di suolo, l'umidità, il PH, l'estensione delle colture.

Leggi tutto...