Richiedi la tua Dieta Personalizzata

Dietaweb.it

Login Form

itendees

SITO 1° CLASSIFICATO IN ITALIA 
E GIA' 1° NEL MONDO PER PROBLEMI DI MEDICINA

La diffusione dell'obesità è imputabile alla pletora di cibi raffinati con alto potere calorico, che provocano una scarsa sensazione di sazietà per la mancanza di fibre ed alla mancanza di attività fisica.

 L' obesità favorisce  lo sviluppo del diabete 2°, dell' ipertensione, del cancro,dell'arteriosclerosi , delle cardiopatie, delle artrosi e provoca una riduzione della durata della vita.

 L'OBESITA ' E' DOVUTA AD UN  ECCESSO DI GRASSO CORPOREO, QUESTO ACCUMULO DI GRASSI E ' PROVOCATO DALLO SQUILIBRIO TRA L' APPORTO ENERGETICO IN ECCESSO E IL CONSUMO ENERGETICO IN DIFETTO .

UNA AUMENTATA INTRODUZIONE DI 72.000 CALORIE SI TRADUCE IN UN AUMENTO DI 10 KG di PESO CORPOREO.

PER PERDERE PESO BISOGNA COMUNQUE INDURRE UN DEFICIT CALORICO O CON UN DIMINUITO INTROITO DI CALORIE O CON UN AUMENTATO CONSUMO DI CALORIE  O CON UNA COMBINAZIONE DELLE 2 COSE .

 

OBESITA'   E IPERINSULINEMIA :

 

L'OBESITA' E LA RESISTENZA ALL'INSULINA CON IPERINSULINEMIA HANNO RAGGIUNTO PROPORZIONI EPIDEMICHE,E' NECESSARIO COMPRENDERE IL LEGAME TRA QUESTE  CONDIZIONI PER CERCARE DI METTERVI RIMEDIO .

NELLE MEMBRANE CELLULARI ESISTONO DELLE PROTEINE ,CHIAMATE RECETTORI PER L'INSULINA CHE  PERMETTONO IL PASSAGGIO DEL GLUCOSIO DAL SANGUE DENTRO LE CELLULE , L'INSULINA E' INDISPENSABILE PER LA FUNZIONE DI QUESTE PROTEINE ;NEI SOGGETTI SANI IL NUMERO DEI RECETTORI E' DI 20.000 CIRCA PER  OGNI CELLULA .

I RECETTORI DELL'INSULINA AUMENTANO DI NUMERO  QUANDO LA CELLULA INCREMENTA IL CONSUMO DI GLUCOSIO ,SI RIDUCONO DI NUMERO  QUANDO LA CELLULA E' INATTIVA ED  E' SATURA DI GLUCOSIO .

LA RIDUZIONE DEI RECETTORI COMPORTA  UN IMPEDIMENTO ALL' AZIONE DELL'INSULINA ,UN RIDOTTO INGRESSO DI GLUCOSIO NELLE CELLULE E DI CONSEGUENZA  UN AUMENTO DELA GLICEMIA.

 IL PANCREAS REAGISCE ALL'AUMENTO DELLA GLICEMIA ,AUMENTANDO LA SECREZIONE DI INSULINA E DETERMINANDO IPERINSULINEMIA  ,QUESTA CONDIZIONE E' CHIAMATA RESISTENZA ALL'INSULINA.

L'INSULINA E' UN POLIPEPTIDE DI 51 AMINOACIDI , SVOLGE  MOLTE FUNZIONI :

1) E' SECRETA NELLE CELLULE BETA DEL  PANCREAS , APPENA  AUMENTA IL TASSO DI GLUCOSIO NEL SANGUE

 2) FACILITA L'ENTRATA DEL GLUCOSIO NEI MUSCOLI, NEL TESSUTO ADIPOSO E IN ALTRI TESSUTI , AGENDO SUI RECETTORI CELLULARI DELL'INSULINA.

3)STIMOLA L' ACCUMULO DEL SURPLUS DI  GLUCOSIO NEL FEGATO SOTTO FORMA DI GLICOGENO, STIMOLA INOLTRE L'ENTRATA DEGLI AMINOACIDI  ALL'INTERNO DELLE CELLULE ,PROMUOVENDO LA SINTESI DELE PROTEINE E LA DUPLICAZIONE DEL DNA.

4)AUMENTA LA PERMEABILITA' DELLE MEMBRANE  PER  POTASSIO ,MAGNESIO E FOSFATI .


5)PROMUOVE LA SINTESI DI  GRASSI DEL SURPLUS  DI CARBOIDRATI NEI TESSUTI E NEL FEGATO, FAVORENDO L'INSORGERE DELL'OBESITA' .

6) INIBISCE IL CONSUMO DEI GRASSI NEL TESSUTO ADIPOSO INIBENDO LA LIPASI INTRACELLULARE.  

QUANDO IL TASSO DI INSULINA E' RIDOTTO, PERCHE' LA DIETA HA UN BASSO  CONTENUTO DI CARBOIDRATI  ,CESSA LA SINTESI DI GRASSI E IL CONSUMO DEI GRASSI DI RISERVA  AUMENTA.

L'insulina  possiede inoltre una forte azione sodioritentiva con conseguente   ritenzione idrica, favorendo in questo modo l'aumento del peso e della pressione arteriosa .

L' OBESITA' E' ATTUALMENTE CONSIDERATA UNO STATO DI RESISTENZA ALL'INSULINA E L'IPERINSULINEMIA VIENE CONSIDERATA IL RISULTATO DELL'OBESITA', SPECIALMENTE  DELL'OBESITA' ADDOMINALE .

L'INSULINO RESISTENZA ,DETERMINATA DALL'ECCESSO DI CARBOIDRATI  ALIMENTARI  E DALLA VITA SEDENTARIA   RIDUCE IL NUMERO DEI RECETTORI DELL'INSULINA  PER OGNI CELLULA DAI  20.000 DI  UN SOGGETTO SANO A  CIRCA  5.000 DI UN SOGGETTO OBESO .

PER DIMAGRIRE E' PERTANTO INDISPENSABILE  RIDURRE I CIBI CON ALTO CONTENUTO DI ZUCCHERI,DI CALORIE  E A RAPIDO ASSORBIMENTO ,CHE PROVOCANO AUMENTO DELLA GLICEMIA E DELL' INSULINA .( ESEMPIO ALIMENTI RICCHI DI  FARINE ULTRARAFFINATE  , O RISO RAFFINATO ,PATATE  , ZUCCHERO  , MIELE O BEVANDE ZUCCHERATE , TUTTI ALIMENTI ,POVERI DI  FIBRE ,A RAPIDO ASSORBIMENTO  E CON INDICE GLICEMICO MOLTO ELEVATO ) .

E' INVECE UTILE MANGIARE CIBI MOLTO VOLUMINOSI, GREZZI  ,RICCHI DI FIBRE , MA CON SCARSO CONTENUTO DI CARBOIDRATI , DI CALORIE E A LENTO ASSORBIMENTO, CON INDICE GLICEMICO BASSO (TIPO VERDURE CRUDE ).

ALIMENTAZIONE NEL PALEOLITICO:

COME BEN SANNO TUTTI GLI ALLEVATORI DI MAIALI, DI   OCHE  E DI BESTIAME ,LA ALIMENTAZIONE  CON   CEREALI  E LA LIMITAZIONE DEI  MOVIMENTI, TRASFORMANO TUTTI GLI  ESSERI VIVENTI  IN CREATORI E TRASPORTATORI DI GRASSO,

 L' OBESITA' E LE SUE COMPLICAZIONI ( DIABETE 2, IPERTENSIONE,ETC) HANNO AVUTO  INIZIO   CON L'AGRICOLTURA E  CON L'INTRODUZIONE DEI CEREALI NELL'ALIMENTAZIONE UMANA ,CIRCA 10.000 ANNI FA, QUANDO GLI UOMINI  COMINCIANDO  AD ALLEVARE BESTIAME E     A  COLTIVARE  I CAMPI   ,LASCIARONO LA DIETA DEL PALEOLITICO E SOSTITUIRONO UNA DIETA POVERA DI CARBOIDRATI E DI  CALORIE CON  UNA DIETA  RICCA DI CALORIE DI GRASSI ANIMALI E DI CARBOIDRATI, ASSOCIATA AD UN DRAMMATICO CALO DEL CONSUMO CALORICO .

LA DIETA DEL PALEOLITICO HA DETERMINATO IL GENOMA UMANO, QUALE E' A TUTTO OGGI , E HA ACCOMPAGNATO GLI UOMINI PER  7.000.000 DI ANNI .

(VEDI SUI PORTALI  MONDIALI : PALEOLITHIC DIET O STONE AGE DIET O NEANDERTHAL DIET)  .

OSSERVANDO LA STORIA DELL'UMANITA' SI PUO' AFFERMARE CHE 100.000 GENERAZIONI DI UOMINI SONO STATE DI CACCIATORI E RACCOGLITORI ,500 SONO STATE DI AGRICOLTORI ,10 GENERAZIONI SONO VISSUTE NELL'ERA INDUSTRIALE E SOLO LE ULTIME  2 CONVIVONO CON ALIMENTI TERRIBILMENTE  RAFFINATI ,UNTI, SALATI E RICCHI DI CANCEROGENI  .

METABOLISMO DEI GRASSI:

 .I grassi introdotti con gli alimenti o sintetizzati nel fegato dagli zuccheri in eccesso, essendo insolubili nel sangue vengono trasportati sotto forma di acidi grassi liberi  dalle VLDL, (lipoproteine a bassissima densità ), prodotte nel fegato .

I trigliceridi arrivati in periferia vengono scissi dalla lipasi lipoproteica dell'endotelio arterioso a glicerolo e acidi grassi liberi ,questi ultimi entrano nelle cellule adipose , sono ritrasformati in trigliceridi e sotto questa forma si accumulano ,dentro le cellule.

 Quando il bilancio energetico diventa negativo ( durante il periodo di una dieta a basse calorie ) i trigliceridi depositati nelle cellule vengono liberati dalle cellule adipose sotto forma di glicerolo e acidi grassi liberi e cosi' vengono utilizzati .

NEGLI ANIMALI CHE VANNO IN LETARGO CESSANDO L'INTRODUZIONE DI CARBOIDRATI ,TERMINA LA SECREZIONE DI INSULINA E PER SOPRAVVIVERE ,GLI ORGANISMI SONO COSTRETTI AD UTILIZZARE I GRASSI DI RISERVA E SI ASSISTE AD UN FORTE CALO DI PESO .

 QUESTO DIMOSTRA LA GRANDE 'IMPORTANZA DEL RUOLO DEI CARBOIDRATI E DELL'INSULINA SIA PER ACCUMULARE I  GRASSI  SIA PER CONSUMARLI.

CAUSE DELL'OBESITA':


Le cause più frequenti dell'obesita' sono la tendenza genetica che incide fino al 33 %, un eccessivo apporto alimentare di calorie, una insufficiente attività fisica, l' abbandono del fumo, i contraccettivi orali e i farmaci che influiscono sul metabolismo ( fenotiazinici , cortico steroidi ,antistaminici, etc), i fattori ormonali .


L' influenza genetica è stata studiata nei topi , in cui è stato individuato un gene ob , la cui mutazione induce aumento massivo del peso .

Questo gene codifica una proteina la LEPTINA, la leptina viene prodotta nelle cellule adipose e esplica una azione regolatrice del peso corporeo .

Essa agisce come un segnale tra il tessuto adiposo e l' area del cervello che controlla il metabolismo energetico .


Secondo Muzzin e coll. il trattamento di ratti deficienti in leptina con leptina provoca diminuizione dell'appetito e riduzione del peso , inoltre si ottiene normalizzazione del tasso insulinico e della tolleranza al glucosio .

Secondo Gainsford e coll. la leptina è una citochina, che secreta nel tessuto adiposo arriva al cervello e in altri tessuti provocando perdita di peso e calo dell'appetito .

I fattori   ormonali  più   importanti  che influenzano

 l' obesità  sono l' ipercorticosurrenalismo e l' iperinsulinismo .

 

CALCOLO DELL'OBESITA':

Oggi per studiare l' obesità si usa l'indice di BODY-MASS ,questo indice si ottiene dividendo il peso in kg per il quadrato dell' altezza del soggetto in esame .

Indice normale = 20-25 kg per metro quadro di superfice corporea Soprappeso = 25-30 kg Obesità = >30 kg Obesità grave => 40 kg

Un altro sistema per stabilire la gravità dell'obesità è quello della misura zione delle pliche sottocutanee ,( il grasso sottocutaneo rappresenta il 50% del grasso corporeo).

In un adulto normale nell' area del tricipite( la parte posteriore del braccio ) lo spessore cutaneo è pari a 23 mm nell'uomo e a 30 mm nella donna .

 Altre pliche da misurare sono quelle del bicipite ,della zona sottoscapolare , della zona sovrailiaca .


L' analisi dell' impedenza bioelettrica (BIA ) è un mezzo facile da usare nella pratica ambulatoriale. L'impendenza viene misurata facendo passare la corrente attraverso il corpo tramite elettrodi , la resistenza è inversamente proporzionale all' acqua totale del corpo , la massa magra e il grasso corporeo sono dedotti dall'acqua totale .

LE COMPLICAZIONI DELL' OBESITA':



OBESITA' E MORTALITA'.

Uomini con un aumento del 20% in più del peso presentano una mortalità del 20% in più per ogni causa , un aumento del 25 % in più per mortalità coronarica, un aumento del 10 % di mortalità per ictus , un rischio di diabete del doppio , e il 40 % in più il rischio di colecistite calcolosa .

Uomini con il 40 % in più del peso forma presentano un aumento del 55 % di mortalità per ogni causa ,il 70 %in più del rischio di coronaropatia , il 75 % in più del rischio di ictus e il 400% di aumento di mortalità per diabete .

Uomini con il 60% in più del peso forma ,( aumento di oltre 45 kg ) presentano il raddoppio di mortalità per ogni causa .


OBESITA' E IPERTENSIONE.

 Uomini di 20 -45 anni con aumento del peso ottimale presentano rischio di ipertensione sino a 6 volte .


OBESITA' E DIABETE.

 Anche un aumento modesto del grasso addominale e del peso possono aumentare sino a 10 volte il rischio di diabete 2° .

Le membrane cellulari ricche di grassi saturi  presentano riduzione dei recettori dell'insulina  con conseguente aumento della sintesi   di insulina da parte del pancreas  e  provocando alla fine   resistenza all'insulina .

 Oggi si ritiene:

 1)che la resistenza all'insulina sia molto diffusa,

 2)che l'aumento dei grassi saturi o dei grassi idrogenati delle membrane cellulari  ne sia responsabile 

 3) che il 25 %della popolazione della popolazione ne sia affetta .

L'aumentata resistenza all'insulina provoca per un certo periodo di tempo un aumento compensatorio del tasso di 'insulina per azione ipersecretoria delle cellule betapancreatiche, quando dopo alcuni  anni l'insulina diventa inefficace si perviene al diabete tipo 2 .

 La vita sedentaria diminuendo il fabbisogno di glucosio contribuisce a determinare riduzione dei recettori di membrana per l'insulina .


OBESITA' E CUORE.

L'OBESITA' DETERMINANDO  AUMENTO DEL LAVORO CARDIACO E  DELLE RESISTENZE PERIFERICHE PROVOCA IPERTROFIA DEL VENTRICOLO SINISTRO E IN UNA SECONDA FASE IPERTROFIA DI  TUTTO IL CUORE.

L'OBESITA' SI ASSOCIA ALLA SINDROME X O SINDROME METABOLICA , UNA SINDROME ESTREMAMENTE DIFFUSA E CHE PROVOCA OGNI ANNO MILIONI DI DECESSI PER INFARTO, NEL MODO OCCIDENTALE  .

 

 Uomini con un aumento del 10 %del peso corporeo presentano il 20 % in più di coronaropatie ,.

Ogni 10 % in più di aumento del peso corporeo si ha un aumento di 6,5 mm/Hg della pressione sistolica ,di 12 mg del colesterolo plasmatico e di 2mg /dL del glucosio a digiuno (Blumenkrantz ).

Numerose ricerche hanno confermato che una alta proporzione del grasso addominale si associa a resistenza all'insulina ,iperinsulinemia ,alterata tolleranza al glucosio ,diabete tipo 2  ,, dislipidemia ,ipertensione .

Anche lievi o modeste obesità vanno attentamente trattate se coesiste aumento del grasso addominale .

 Esiste un netto aumento del rischio coronarico se il rapporto circonferenza addominale all' ombelico diviso la circonferenza del bacino è superiore ad 1 nell'uomo , e a 0,8 nella donna .

UNA CIRCONFERENZA ALL'OMBELICO SUPERIORE A 102 CM NELL'UOMO E A 88 CM NELLA DONNA INDICA AUMENTO DEL  GRASSO INTRADDOMINALE E INDICA GRAVE RISCHIO DELLE COMPLICANZE DELL'OBESITA'.

 Le cellule adipose si legano facilmente all' HDL (il colesterolo buono ) e ne provocano una diminuizione nel sangue .


OBESITA' E ARTROSI.

 Benché la causa non sia chiara esiste una correlazione tra acido urico e peso , la prevalenza di gotta aumenta drammaticamente se il peso aumenta .

 L' aumento del peso induce inoltre artrosi delle

ginocchia , delle anche , della colonna lombosacrale per il sovraccarico che si determina.

OBESITA' E CANCRO.

 Soggetti obesi presentano maggior rischio di tutti i tumori ,specie del cancro prostatico e del cancro del colon , con diete caloriche molto ristrette nei topi si è ottenuta una netta riduzione dei linfomi e di tutti i tipi di tumore .

 
OBESITA' E CALCOLOSI BILIARE.

 

 Donne obese presentano calcolosi biliare fino a sei volte di più dei soggetti normali , coesiste negli obesi infiltrazione grassa del fegato o steatosi epatica .


OBESITA' E IPERCOLESTEROLEMIA.

 L' organismo produce da 15 a 20 mg di colesterolo pro kg ,prodie ,di conseguenza l' obesità si traduce in ipercolesterolemia

, il colesterolo è prodotto per lo più nel fegato nelle prime ore della notte .

 

 

TRATTAMENTO DELL'OBESITA' :

 

La dieta è fondamentale nella terapia dell' obesità , la riduzione di 1000 calorie nella dieta giornaliera, comporta un calo di un kg la settimana .

La dieta consigliata è di 1000 calorie al giorno per le donne e di 1200 calorie al giorno per l'uomo da aumentare secondo l'attività fisica gior naliera , con un contenuto in grassi del 25%, in proteine del 20 % ,e del  55% in carboidrati .

E' COMUNQUE DI ESTREMA IMPORTANZA  RIDURRE IL PIU' POSSIBILE O ELIMINARE GLI ALIMENTI AD ALTO CONTENUTO DI  CARBOIDRATI RAFFINATI  E AD ALTO INDICE GLICEMICO PER RIDURRE LA PRODUZIONE DI INSULINA , SPECIE PER I SOGGETTI SEDENTARI.

 NEI SOGGETTI DIABETICI NON INSULINODIPENDENTI  LE  PROPORZIONI DELLA DIETA  VANNO MUTATE IN  50% O MENO  DI CARBOIDRATI , 30% DI GRASSI ,20% DI  PROTEINE .

GRASSI :

I GRASSI , PUR AVENDO UN ALTO CONTENUTO CALORICO  SONO INDISPENSABILI NELLA ALIMENTAZIONE  PER ALCUNI MOTIVI :

1)FAVORISCONO 'ASSORBIMENTO DELLE VITAMINE LIPOSOLUBILI .

2)SERVONO ALLE CELLULE PER LA FORMAZIONE DELLE LORO MEMBRANE .

3)NON STIMOLANO LA SECREZIONE DI INSULINA ED HANNO UN ALTO INDICE DI SAZIETA'.

4)DUE GRASSI INDISPENSABILI PER LA VITA, SONO DETTI ESSENZIALI , PERCHE' L'ORGANISMO DEI MAMMIFERI NON RIESCE A SINTETIZZARLI:

1)L'ACIDO LINOLEICO HA DUE DOPPI LEGAMI, HA FORMULA C18-H32-O2  (OMEGA 6).

IL  SUO FABBISOGNO E'  9-18 GR AL DI , E' REPERIBILE NELL'OLIO DI GIRASOLE , DI MAIS ,DI SOIA E IN ALTRI OLI. 

2)L'ACIDO ALFA LINOLENICO HA 3 DOPPI LEGAMI , HA FORMULA C18-H30-O2 (OMEGA 3),IL SUO FABBISOGNO E '2-9 GR AL GIORNO , E' REPERIBILE NEL PESCE, NEI SEMI DI LINO , NELLE NOCI , NELLE FOGLIE VERDI .

LA CARENZA ESTREMA   DEGLI  ACIDI  GRASSI   ESSENZIALI   PROVOCA LA MORTE . 

QUESTI GRASSI  SONO INFATTI INDISPENSABILI PER LA SINTESI DELLE  PROSTAGLANDINE DI SERIE 1-2-3 E PER LA FORMAZIONE DELLE MEMBRANE  CELLULARI.

 

  I GRASSI VANNO SUDDIVISI NELLA DIETA IN  : 5% DI SATURI, 12,5% DI MONOINSATURI , 12,5% DI POLINSATURI .

 

 GRASSI SATURI :

I GRASSI SATURI  SONO STRUTTURE STABILI , NON HANNO DOPPI LEGAMI ,NON POSSONO PERTANTO COLLEGARSI CON IL COLESTEROLO PER FORMARE GLI ESTERI DI COLESTEROLO ED ELIMINARLO .

I GRASSI SATURI SONO SOLIDI A TEMPERATURA AMBIENTE E SONO UN PIU' PER L'ORGANISMO CHE PUO' SINTETIZZARLI IN MODO AUTONOMO.

LA ALIMENTAZIONE RICCA DI GRASSI SATURI DETERMINA     ACCUMULO DI COLESTEROLO NELLE ARTERIE E LA  FORMAZIONE DEGLI ATEROMI .

IN MEDIA PER OGNI 1% DI CALORIE TOTALI DI GRASSI SATURI IL COLESTEROLO TOTALE NEL SIERO  AUMENTA DI CIRCA 2,7MG.

I GRASSI SATURI DETERMINANO INOLTRE AUMENTO DELLA RIGIDITA'  DELLE MEMBRANE CELLULARI  CON RIDUZIONE DEI RECETTORI  E PROVOCANO PERTANTO DIFFICOLTA' DEGLI SCAMBI TRA  CELLULA E CELLULA E TRA LE CELLULE E GLI SPAZI EXTRACELLULARI .

I 3 GRASSI SATURI PIU' PERICOLOSI SONO L'ACIDO LAURICO A 12 ATOMI DI CARBONIO , L'ACIDO MIRISTICO A 14 ATOMI DI CARBONIO ,L'ACIDO PALMITICO A 16 ATOMI DI CARBONIO.

GLI ALIMENTI RICCHI DI GRASSI SATURI SONO I LATTICINI ,LE CARNI DI ALLEVAMENTO, IL LARDO ,IL BURRO, IL CIOCCOLATTO, GLI OLI DI COCCO E DI PALMA,I PRODOTTI DA FORNO , ANCHE L'OLIO DI OLIVA , ANCHE SE RICCO DI GRASSI MONOINSATURI ,CONTIENE IL 16% DI GRASSI SATURI . 

 GRASSI TRANS O  IDROGENATI :

I GRASSI TRANS O IDROGENATI  SONO SIMILI AI GRASSI SATURI ,SONO CREATI ARTIFICIOSAMENTE DALLE INDUSTRIE .PERCHE' DIVENTANO  MOLTO  RESISTENTI ALL'IRRANCIDIMENTO.

I  GRASSI POLINSATURI SONO TRATTATI CON UN PROCESSO DETTO IDROGENAZIONE E FATTI DIVENTARE SATURI CON ELIMINAZIONE DEI DOPPI LEGAMI , SI COMPORTANO DA GRASSI SATURI  .

I GRASSI  IDROGENATI POSSONO ESSERE  REPERIBILI NEI CRACKERS , NEI BISCOTTI , NEI PRODOTTI DA FORNO E IN MOLTI PRODOTTI CONSERVATI.

I GRASSI  IDROGENATI SONO  MOLTO DANNOSI PER I SEGUENTI EFFETTI BIOLOGICI:

1)RIDUCONO IL COLESTEROLO HDL.

2)AUMENTANO IL TASSO DELLA LIPOPROTEINA  A , UN FATTORE CHE AUMENTA IL RISCHIO DI ARTERIOSCLEROSI E INFARTO  .

3)CAUSANO LA PERDITA NEI TESSUTI DEGLI OMEGA 3.

4)INIBISCONO IL LEGAME DELL'INSULINA CON I RECETTORI.

5) AUMENTANO IL TASSO DELLA PROTEINA C REATTIVA ,DETERMINANDO INFIAMMAZIONE.

6)DEPRIMONO IL SISTEMA IMMUNITARIO.

7)INTERFERISCONO CON MOLTI ENZIMI ,ES LA 6-DESATURASE  INIBENDOLA .

GRASSI INSATURI :

I GRASSI POLINSATURI E MONOINSATURI ,HANNO UN DOPPIO LEGAME O MOLTEPLICI DOPPI LEGAMI (MANDORLE , NOCI, OLIVE, AVOCADO,OLI VARI  ,ETC) , QUESTI GRASSI SONO PER LO PIU' LIQUIDI A TEMPERATURA AMBIENTE.

OFFRONO  5  VANTAGGI :

1)NON INFLUENZANO LA PRODUZIONE DI INSULINA .

2)DANNO GRANDE SENSO DI SAZIETA'.

3)HANNO SCARSA AZIONE SULLA SINTESI DI COLESTEROLO E  SUI RECETTORI  DEL COLESTEROLO, DIVERSAMENTE DAI GRASSI SATURI .

4)PER LA PRESENZA DI DOPPI LEGAMI SI LEGANO FACILMENTE AL COLESTEROLO , CREANO COSI' GLI ESTERI DI COLESTEROLO ,CHE SUCCESSIVAMENTE VENGONO ELIMINATI DAL FEGATO ATTRAVERSO LE VIE BILIARI.

5)RENDONO ,SPECIE GLI OMEGA 3 , LE MEMBRANE CELLULARI MORBIDE E PERMEABILI .

 PROTEINE :


LE PROTEINE DELLA DIETA DEVONO RAGGIUNGERE LA QUANTITA' DI 1 GRAMMO  PRO KG PRO DIE.

LE PROTEINE DEVONO ESSERE DI ELEVATO VALORE BIOLOGICO , CIOE' AD ALTO CONTENUTO DI AMINOACIDI ESSENZIALI ; UOVA, LATTE SCREMATO , PESCE , CARNE  POSSEGGONO QUESTE QUALITA'.

CARBOIDRATI :

I CARBOIDRATI RAPPRESENTANO LARGA PARTE DEI NUTRIENTI DELLA ALIMENTAZIONE UMANA .

NELLE DIETE IPOCALORICHE  SI CONSIGLIANO 100 GR DI CARBOIDRATI AL GIORNO, LA QUANTITA NECESSARIA PER IL METABOLISMO CEREBRALE , INFATTI IL CERVELLO USA ESCLUSIVAMENTE GLUCOSIO.

SECONDO GLI STUDI PIU' RECENTI ,E'  LA QUALITA'  PIU' CHE LA QUANTITA'  DI CARBOIDRATI ALIMENTARI AD INFLUENZARE  L'AUMENTO DEL PESO CORPOREO.

I SOGGETTI CHE HANNO UNA ALIMENTAZIONE RICCA DI CARBOIDRATI RAFFINATI PRESENTANO MAGGIORE AUMENTO DELLA CIRCONFERENZA ADDOMINALE .

GLI INDIVIDUI CHE SEGUONO UNA ALIMENTAZIONE RICCA DI ALIMENTI CON  FIBRE, COME FRUTTA ,VERDURE ALIMENTI INTEGRALI PRESENTANO MINORE AUMENTO DELLA CIRCONFERENZA ADDOMINALE .

GLI ALIMENTI CON PIU'  ALTO INDICE GLICEMICO PROVOCANO MAGGIORE SINTESI DELL'INSULINA  E MAGGIORE AUMENTO DI PESO .

I PERICOLI DOVUTI AD UNA ALIMENTAZIONE RICCA DI CARBOIDRATI SONO SOPRATUTTO 4:

1)I CARBOIDRATI DETERMINANO AUMENTO DELLA SECREZIONE DI INSULINA E L' IPERINSULINEMIA E' LA CAUSA FONDAMENTALE DELL'ACCUMULO DI GRASSI E  DELLA 0BESITA'.

2)L'ECCESSO DI CARBOIDRATI NELL'ALIMENTAZIONE E ' PERICOLOSO IN QUANTO I CARBOIDRATI  , SE NON CONSUMATI ,SONO TRASFORMATI IN GRASSI DI RISERVA .

3)IN QUESTO SECOLO LA DRASTICA RIDUZIONE DEI CONSUMI CALORICI HA DIMINUITO IN MODO DRAMMATICO IL FABBISOGNO E IL CONSUMO DI CARBOIDRATI DEGLI INDIVIDUI .

4)LA GLICEMIA ELEVATA DOVUTA AD ALIMENTAZIONE ,RICCA DI CARBOIDRATI PROVOCA LA GLICAZIONE DELLE PROTEINE, QUESTE  PROTEINE DEGRADATE  DIVENTANO  ESTREMAMENTE PERICOLOSE PER LA SALUTE UMANA .

 

ALIMENTI CRUDI:

E' OPPORTUNO AUMENTARE LA PERCENTUALE DI CRUDO DEGLI ALIMENTI IL PIU' POSSIBILE , PER SVARIATI MOTIVI :

1)PER AUMENTARE L'INTRODUZIONE DI ENZIMI ,VITAMINE ,MINERALI .

 2)GLI ALIMENTI CRUDI DANNO MAGGIORE SAZIETA' ,CON MENO CALORIE .

3)LA COTTURA PROLUNGATA E AD ALTA TEMPERATURA DI MOLTI ALIMENTI ESCLUSI I LEGUMI E LE VERDURE  O LA COTTURA ALLA GRIGLIA  DELLA CARNE   DANNO  ORIGINE  A NUMEROSI CANCEROGENI TIPO L'ACRILAMIDE , LE AMINE ETEROCICLICHE O I PRODOTTI AMADORI .( vedi sui portali mondiali GOOGLE com , MSNcom  , YAHOO com, etc ) :

 ACRYLAMIDE  AND CANCER , HETEROCYCLIC AMINES AND CANCER , AMADORI PRODUCTS AND CANCER) .

4)LA COTTURA RIDUCE IN MOLTI ALIMENTI E IN ALTA PERCENTUALE IL POTERE ANTIOSSIDANTE .

 FIBRE :

IL CONSUMO DI FIBRE DEVE RAGGIUNGERE I 25 GR AL GIORNO ,LE FIBRE HANNO MOLTA IMPORTANZA PER ALCUNI MOTIVI:

1)AUMENTANO LA SAZIETA'

2)MODULANO L 'ASSORBIMENTO DEI CARBOIDRATI E L'AUMENTO DELLA GLICEMIA

3)MODULANO IL RIASSORBIMENTO DEI SALI BILIARI E RIDUCONO IL TASSO DI COLESTEROLO NEL SANGUE

4)AIUTANO LA PERISTALSI INTESTINALE E CURANO LA STITICHEZZA

NUMERO DEI PASTI:

Si consiglia la suddivisione dei pasti in 3 pasti e 3 spuntini .

SALE :

 E' opportuna una riduzione   del sale e degli alimenti ricchi di sale  per la forte azione vasicostrittice e idroritentrice del sodio, che provoca aumento dei liquido extracellulare con incremento del peso e della pressione arteriosa .

VITAMINE E MINERALI  :

 E'  indicata nelle diete ipocaloriche, per non provocare carenze   la somministrazione di prodotti polivitaminici e minerali .

 

ALIMENTI CONSIGLIATI:

 Gli alimenti consigliabili sono latte a 0 grassi ,yogurt a 0 grassi ,latte di soia , fiocchi di latte magro ,tofu ,selvaggina  , pesce , bianco di uovo sodo , frutta a basso contenuto di zuccheri , verdure crude e cotte , usare: pane int., pasta int. , riso int , legumi  , noci,avocado  e mandorle in  quantità ,  rapportate   all'attività fisica e ai consumi calorici.

CONDIMENTI :

Per i condimenti usare piccole quantità di olio extravergine o olio di noci ricco di omega 3, limone aceto ,spezie(origano ,timo, prezzemolo, basilico) a volontà.

ESERCIZIO FISICO :


L' attività fisica è molto utile per per consumare le calorie in eccesso  ,sono necessari almeno 40 minuti al

giorno di esercizio aerobico ,bisogna raggiungere una frequenza pari al 60% del rapporto (220-età), i migliori risultati si raggiungono con 5-6 ore di esercizio fisico la settimana   .

L' ALLENAMENTO  DETERMINA PROFONDE MODIFICAZIONI NELL' ORGANISMO :

1)AUMENTO DEI MITOCONDRI CARDIACI E MUSCOLARI, CON MIGLIORAMENTO DELLA PROGNOSI DEL POST-INFARTO E DELL'INSUFFICIENZA CARDIACA, DELLA RESISTENZA E DELLA FORZA DEI SOGGETTI  ALLENATI .

2)AUMENTO DEI  RECETTORI CELLULARI DI MEMBRANA  PER L'INSULINA, CON RIDUZIONE DELLA GLICEMIA E DELLA RESISTENZA ALL'INSULINA.

3)AUMENTO DEL COLESTEROLO HDL.

4)RIDUZIONE DEL PESO E DEI GRASSI .

5)AUMENTO DEI RADICALI LIBERI E AUMENTO DI  ALCUNI ENZIMI ANTIOSSIDANTI, ES.LA SUPEROSSIODISMUTASI.

6) VASODILATAZIONE PERIFERICA  CON AUMENTO DELLA PRODUZIONE DI NO2(OSSIDO NITRICO ) .

AD ESEMPIO L'ARTERIA CORONARICA  DISCENDENTE ANTERIORE PRESENTA DOPO SFORZO AUMENTO  DEL FLUSSO DA 49+-4 mL/min a riposo a85+-8mL/MIN SOTTO SFORZO (CIRCULATION.2000;101:2526)

 7) RIDUZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA E DELLA FREQUENZA CARDIACA

CONSUMI CALORICI ;

 Diamo alcuni esempi di consumo calorico : camminare a 1 miglio all'ora =130 calorie per ora camminare a 3 miglia all'ora=280 calorie " camminare a 4 miglia all'ora =390 calorie " jogging a 5 miglia all'ora = 530 calorie " pulire i vetri per ora = 260 calorie bici 5 miglia all'ora = 210 calorie per ora bici 8 miglia all'ora = 330 calorie " bici 13 miglia all'ora = 660 calorie " correre 8 miglia all'ora = 720 calorie " conversare per ora = 80 calorie " giocare a tennis per ora = 420 calorie "

DIETE A BASSISSIME CALORIE:

 Sono usate negli  USA delle diete a bassissimo contenuto calorico (VLCD).

Esse forniscono da 400 a 600 calorie al giorno e 1,5 gr di proteine per kg di peso al giorno.

Possono essere seguite solo per 3-4 mesi , necessitano di controllo medico continuo e sono adatte ai grandi obesi , necessitano di somministrazione contemporanea di vitamine e minerali .

Gli effetti collaterali sono l' ipopotassiemia , l' ipotensione , l'ipoglicemia , l' iperuricemia , sono anche descritti casi di morte da arresto cardiaco .

 

INTERVENTI CHIRURGICI :

Gli interventi chirurgici sono riservati per i soggetti con obesità grave ( BMI > 40 ) o comunque obesi in pericolo di vita .

 Gli interventi più usati sono 1 )la gastroplastica con bendaggio verticale 2) il bypass gastrico .
Lo scopo di questi interventi è di ridurre radicalmenteil volume gastrico , creando una tasca gastrica di 25 ml di volume .

Il calo di peso è di 40- 60 KG .

La mortalità operatoria è di solito inferiore all'1%, e le complicanze operatorie sono inferiori al 10 % ,