Richiedi la tua Dieta Personalizzata

Dietaweb.it

Login Form

itendees

SITO 1° CLASSIFICATO IN ITALIA 
E GIA' 1° NEL MONDO PER PROBLEMI DI MEDICINA

ELIMINANDO ENZIMI, FIBRE, ANTIOSSIDANTI E VITAMINE E AGGIUNGENDO SALE , ZUCCHERO E GRASSI IDROGENATI .

LE ATTUALI EPIDEMIE DI CANCRO , DIABETE 2, ICTUS, INFARTI, OBESITA',IPERTENSIONE ,ALZHEIMER, OSTEOPOROSI ,POLIARTRITI ETC SONO CONSEGUENZE DI UNA ALIMENTAZIONE ERRATA , CONTRO NATURA.

 

Le percentuali del rapporto potassio- sodio e omega 3-omega 6 vengono completamente capovolte negli alimenti lavorati dall'uomo e si può osservare un totale sovvertimento dei valori degli elettroliti.


Crediamo utile citare il rapporto potassio-sodio negli alimenti più comuni per 100 gr :

 

 

 

17002679021451450419827253113102420188010911501901420100540220540501713955
  POTASSIO mgr

SODIO mgr

albicocca secca
dattero
limone
noce
banane 370 1
pompelmo
uva secca
fagioli
patate 410 3
farina integr. 290 2
zucchero scuro 230 24
pollo 359 83
manzo 355 17
prosciutto aff. crudo 248 2530
salame 160 1850
caviale 180 2200
prosciutto crudo 248 2530
salmone aff.
camembert
Roquefort
Pane bianco
Pane integrale
Latte materno
Latte vaccino

 

L'ELEVATO CONTENUTO DI POTASSIO NEGLI ALIMENTI NATURALI E' DETERMINATO DALL'INDISPENSABILE RUOLO DEL POTASSIO NELLA PRODUZIONE DI ATIPI CIOE' DELL'ENERGIA,IL POTASSIO POTENZIA INFATTI L'ATTIVITA' DELLA PIRUVATOCHINASI E DI ALTRI ENZIMI DELLA GLICOLISI ,INOLTRE IL POTASSIO CONVERTE IL GLUCOSIO IN GLICOGENO ED E' NECESSARIO PER LA SECREZIONE DI EDRF (ENDOTHELIUM DERIVED RELAXING FACTOR),IL POTASSIO E'INFINE NECESSARIO PER LA BIOSINTESI DELLE PROTEINE NEI RIBOSOMI .

IL POTASSIO POSSIEDE UNA FORTE AZONE IDROFOBA E SVOLGE UNA FORTE AZIONE ALCALINAZZANTE.

 

ALIMENTAZIONE ATTUALE

 

 

L'ATTUALE ALIMENTAZIONE UMANA ARRICCHITA DI SODIO E IMPOVERITA DI POTASSIO E DI MAGNESIO PER LA COTTURA E LA RAFFINAZIONE E' COMPLETAMENTE FUORI DALLE LEGGI DELLA NATURA.

DA PIU ' DI 3.500.000 DI ANNI GLI OMINIDI HANNO SEGUITO UNA ALIMENTAZIONE CRUDA RICCA DI ENZIMI ,VITAMINE E MINERALI ,SENZA CONDIMENTI E SENZA AGGIUNTA DI SALE E ZUCCHERO.

SI PUO' AFFERMARE CHE DAL PUNTO DI VISTA ALIMENTARE L'HOMO SAPIENS SAPIENS SIA DIVENTATO HOMO STUPID STUPID.

IN CIRCA 10000 ANNI L'UOMO E' PASSATO DA UNA DIETA CON RAPPORTO POTASSIO/SODIO DI 16/1 A UNA DIETA CON RAPPORTO POTASSIO/SODIO 0,7 /1.

GLI ESPERTI CALCOLANO CHE PRIMA E DURANTE IL PALEOLITICO L'ALIMENTAZIONE UMANA CONTENESSE 11 GR DI POTASSIO AL GIORNO CONTRO 700 MG DI SODIO.

IL COSTO DI QUESTE MODIFICHE E' ENORME SE SI OSSERVANO NEI RATTI DI LABORATORIO I DANNI PROVOCATI DA UNA ALIMENTAZIONE RICCA DI SALE.

CON UNA DIETA ALL'8% DI SODIO ,SIMILE A QUELLA DEL NORD GIAPPONE SI HA NEI RATTI UN ACCORCIAMENTO DELLA VITA DI 8 MESI , PARI A 32 ANNI DI VITA UMANA.

NEI RATTI MESSI AD UNA DIETA AL 2% DI SALE, PARI ALLA DIETA USA , DOPO 40 SETTIMANE, PARI A 64 ANNI DI VITA UMANA SI PRESENTANO GRAVISSIME LESIONI AI RENI CON DILATAZIONE DEI TUBULI RENALI E CALCIFICAZIONE DEI GLOMERULI RENALI.

QUESTE LESIONI COMPORTANO RIDUZIONE DELL'81% DEL FILTRATO GLOMERULARE.

COME SI PUO' CONSTATARE IL DANNO E' PROPORZIONALE ALLA QUANTITA' DI SALE USATA.

LA CARENZA DI POTASSIO ALIMENTARE MOLTO PRESENTE NELLA POPOLAZIONE ATTUALE AGGRAVA I DANNI DELLA ALIMENTAZIONE RICCA DI SODIO , COME DOCUMENTATO IN MIGLIAIA DI STUDI DI RICERCA.

E' EVIDENTE CHE IL RITORNO ANCHE PARZIALE ALLA ALIMENTAZIONE PREISTORICA PORTEREBBE GRANDI VANTAGGI PER LA PREVENZIONE DELL'PERTENSIONE , DELL 'ICTUS , DELL'INFARTO E DELLA INSUFFICIENZA RENALE.

 

LA POMPA DEL SODIO

 

 

IL POTASSIO E' UN MINERALE ESSENZIALE, CHE REGOLA NEGLI ORGANISMI LA BILANCIA DEI LIQUIDI,IL LIVELLO DI ACIDITA' E LA PRESSIONE SANGUIGNA.

IL POTASSIO SVOLGE AZIONE ALCALINIZZANTE, MANTIENE UNA BILANCIA ALCALINA, PREVIENE L'IPERACIDITA'.

IL POTASSIO E' IMPORTANTE PER LA FUNZIONE DEI MUSCOLI,DEL CUORE,DEL SISTEMA NERVOSO.

POTASSIO E SODIO IN SINERGIA TRASMETTONO MESSAGGI NEL SISTEMA NERVOSO E SONO IMPLICATI NELLA REGOLAZIONE DELLA CONTRAZIONE MUSCOLARE.

IL POTASSIO SI TROVA IN MAGGIORANZA NELL'INTERNO DELLE CELLULE, IL SODIO SI TROVA IN MAGGIORANZA NEL LIQUIDO CHE CIRCONDA LE CELLULE.

 

CONCENTRAZIONI DEGLI IONI NELLE CELLULE:

 

 

ELEMENTI IONE EXTCELLU. INTCELLU.

SODIO NA+ 135-145 10

POTASSIO K + 3,5-5 155

CLORURI. CL- 95-110 10-20

CALCIO CA/2+ 2 10/-4

 

ESISTE UN ENZIMA DEFINITO NA+/K+-ATPASE NELLE MEMBRANE CELLULARI DI TUTTI GLI ANIMALI , CHIAMATO POMPA DEL SODIO CHE CONSUMANDO ENERGIA EQUILIBRA I VALORI DEL SODIO E DEL POTASSIO INTRA E EXTRACELLULARI.

LA POMPA DEL SODIO HA UN PESO MOLECOLARE DI 250000-300000 ED E' COSTITUITA DA 2 SUBUNITA'.

 

L'IMPORTANZA DELLA POMPA DEL SODIO E' ENORME :

 

1)REGOLA IL VOLUME CELLULARE, SENZA L'AZIONE DELLA POMPA LE CELLULE ANIMALI , CHE MANCANO DI UNA PARETE RIGIDA SCOPPIEREBBERO.

2) REGOLA LE VARIAZIONI DI POTENZIALE .

3)REGOLA IL CONTENUTO DI SODIO , POTASSIO, MAGNESIO ,CALCIO INTRACELLULARI, L'INGRESSO DEL GLUCOSIO E DEGLI AMINOACIDI NELL'INTERNO DELLE CELLULE.

DURANTE LA SISTOLE ENTRANO NELLE CELLULE SODIO E CALCIO ,NELLA DIASTOLE ENTRANO POTASSIO E MAGNESIO.

LA POMPA DEL SODIO ESTRUDE IONI DI SODIO CONTROGRADIENTE, SFRUTTANDO L'ENERGIA LIBERA DELL'IDROLISI DELL'ATIPI INTRACELLULARE.

LA POMPA DEL SODIO E' STATA SCOPERTA NEL 1957 DAL PREMIO NOBEL DANESE SKOW, POMPA 3 IONI SODIO FUORI DALLE CELLULE E 2 IONI DI POTASSIO ENTRO LE CELLULE ,CONSUMANDO UNA MOLECOLA DI ATIPI.

LA POMPA DEL SODIO POMPA IL SODIO INTRACELLULARE ,DOVE SI ROVA IN BASSA CONCENTRAZIONE NEI LIQUIDI EXTRACELLULARI DOVE LA CONCENTRAZIONE E'ELEVATA CON GRANDE DISPENDIO DI ENERGIA.

TANTO PIU' AUMENTA LA SODIEMIA TANTO PIU' AUMENTA IL CONSUMO DI ENERGIA DELLA POMPA DEL SODIO.

SI CALCOLA CHE LA POMPA DEL SODIO CONSUMI 1/3 DELL'ENERGIA USATA DALLE CELLULE , NEI NEURONI LA POMPA CONSUMA 2/3 DELL 'ENERGIA USATA, CON PRECISIONE E 'STATO CONCLUSO CHE NEI RENI E NEL CERVELLO IL 70% DELL'ENERGIA E'USATO PER POMPARE SODIO E POTASSIO .

LA POMPA DEL SODIO CON L'ENTRATA DEGLI IONI SODIO FACILITA L'ENTRATA NEL CITOPLASMA DEL GLUCOSIO E DEGLI AMINOACIDI , NECESSARI AL METABOLISMO CELULARE.

LE FUNZIONI DELLA POMPA DEL SODIO COME OSSERVATO IN NUMEROSE RICERCHE SONO POTENZIATE DAL MAGNESIO ALIMENTARE.

I CARDIOTONICI COME UABAINA E DIGITALE NE RIDUCONO L'EFFICIENZA.

 

CUORE ,CORONARIE E POTASSIO

 

PER I CARDIOPATICI LA CARENZA CRONICA DI POTASSIO SECONDO EMINENTI CARDIOLOGI (SODI PALLARES , CABRERA E COLL.), CHE HANNO ELABORATO LA TERAPIA RIPOLARIZZANTE(POTASSIO + INSULINA) , PUO' AVERE CONSEGUENZE CATASTROFICHE :

INFARTO CARDIACO , ANGINA PECTORIS , ICTUS , ARRESTO CARDIACO , FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE , FIBRILLAZIONE ATRIALE EXTRASISTOLIA SOPRAVENTRICOLARE E VENTRICOLARE , TACHICARDIE DI OGNI GENERE SONO COLLEGATE A IPOKALIEMIA DOVUTA A SCARSA ASSUNZIONE DI POTASSIO ALIMENTARE E AD ECCESSO DI SODIO ALIMENTARE.

GLI ORGANISMI CONTENGONO IL DOPPIO DEL POTASSIO DEL SODIO .

IL POTASSIO E IL MAGNESIO SI TROVANO IN MAGGIOR QUANTITA'NELL'INTERNO DELLE CELLULE,MENTRE IL CALCIO E IL SODIO SONO IN MAGGIOR QUANTITA'ALL'ESTERNO.

IL POTASSIO PROVOCA NATRIURESI (ELIMINAZIONE DEL SALE CON LE URINE )E RIDUCE L'IPERATTIVITA' DEL SIMPATICO DOVUTA AL SODIO.

IN UNA RICERCA DELL'UNIVERSITA' DI TOKIO SU RATTI DI ALLEVAMENTO E' STATO ACCERTATO CHE UNA DIETA RICCA DI SODIO ALL'8% RIDUCE IL NUMERO DEI CAPLLARI MIOCARDICI PER MM2 DA 4529 A 1276 , L'AGGIUNTA DI CLORURO DI POTASSIO HA AUMENTATO IN MODO SENSIBILE IL NUMERO DEI CAPILLARI.

LA MASSA DEL VENTRICOLO SINISTRO NEI RATTI CON DIETA IPERSODICA E' AUMENTATA DA 2,64 GR. A 4,51 GR.

 

ARTERIE E POTASSIO

 

NUMEROSI STUDI DI UNIVERSITA AMERICANE HANNO ACCERTATO CHE LA DIETA RICCA DI POTASSIO PROTEGGE L'INTEGRITA' DELLE CELLULE ENDOTELIALI.

LE CELLULE DELL'ENDOTELIO SECERNONO UN FATTORE DEFINITO EDFR(ENDOTHELIUM-DERIVED RELAXING FACTOR).

L'EDRF E' STATO SCOPERTO DAL DOTTOR ROBERT FURCHGOTT DELLA CORNELL UNIVERSITY , PREMIO NOBEL DI MEDICINA NEL 1998.

LA DISFUNZIONE ENDOTELIALE E' CARATTERIZZATA DA UNA INSUFFICIENTE SECREZIONE DI EDRF ED E' CAUSA DI ALCUNI TIPI DI IPERTENSIONE .

NEGLI IPERTESI ESISTE UNA FORTE RIDUZIONE DELLA SECREZIONE DI QUESTO FATTORE , MA ASSOCIANDO CITRATO DI POTASSIO ALLE CURE SI E' PRESERVATA LA SECREZIONE ENDOTELIALE DI EDRF, CON GRANDE BENEFICIO DELL'ENDOTELIO.

L'EDRF OLTRE ALL'AZIONE VASODILATATRICE POSSIEDE UNA FORTE AZIONE ANTIAGGREGANTE PIASTRINICA E INIBISCE L'ADESIONE DELLE PIASTRINE ALL'ENDOTELIO.

L'ECCESSO ALIMENTARE DI CLORURO DI SODIO PROVOCA INOLTRE PER LO SCAMBIO SODIO CALCIO UN ACCUMULO DI CALCIO NELLA TONACA MEDIA DELLE ARTERIE E AD UN DEFICIT DI MAGNESIO.

QUESTO PROCESSO SI AGGRAVA DECENNIO DOPO DECENNIO SINA A SFOCIARE NELLA CALCINOSI ARTERIOSA , CARATTERISTICA DEI SOGGETTI PIU'ANZIANI .

IN CONCLUSIONE LA DIETA RICCA DI POTASSIO PRESERVA LE ARTERIE DALLE TROMBOSI.(SUGIMOTOT.ECOLL. (HYPERTENSION 1988), DAI DANNI DELL'IPERTENSIONE E DALLA CALCINOSI ARTERIOSA.

 

 

 

 

SODIO E RADICALI LIBERI

 

NUMEROSI STUDI RECENTI HANNO ACCERTATO CHE UN ECCESSO DI SODIO ESALTA LA PRODUZIONE DI RADICALI LIBERI.

SECONDO UN RECENTE STUDIO DELL'UNIVERSITA' DI TOKIO,(CLINICA DI NEFROLOGIA ) IL POTASSIO ESPLICA AZIONE ANTIOSSIDANTE, CON DECREMENTO DELLA PRODUZIONE DI ROS DOVUTA AL SODIO (23).

SECONDO UNO STUDIO GIAPPONESE DEL NOVEMBRE 2008 DI YAMAMOTO, EIICHIRO E COLL. L'ECCESSO DI SODIO PROVOCA UN AUMENTO DEI RECETTORI DELL'ANGIOTENSINA 2 E AUMENTO DELL'ENZIMA NADPH OXIDASE CON UN CONSEGUENTE AUMENTO DEI RADICALI LIBERI,CHE PROVOCANO APOPTOSI (MORTE)CEREBRALE ,INFIAMMAZIONE E ICTUS .

(STROKE39(11):3049-3056, NOVEMBRE 2008)24

IL POTASSIO MIGLIORA LA RESISTENZA ALL'INSULINA E RIDUCE L'IPERATTIVITA DEL SISTEMA SIMPATICO, FACILITA L'ELIMINAZIONE DEL SODIO PER VIA RENALE ,RIDUCENDO IL LIQUIDO EXTRACELLULARE.

POPOLAZIONI CON DIETA POVERA DI POTASSIO ,, TIPO I TIBETANI CON INTRODUZIONE MEDIA GIORNALIERA MEDIA DI CIRCA 20 mEq(800 MG) DI POTASSIO AL GIORNO HANNO UN ELEVATO NUMERO DI ICTUS.

GLI SCOZZESI DI GLASCOW CON INTRODUZIONE MEDIA DI 45 mEq AL GIORNO(1640 MG) HANNO UN ALTO NUMERO DI INFARTI E ICTUS .

 

 

IL FABBISOGNO DI POTASSIO

 

 

IL FABBISOGNO DI POTASSIO CONSIGLIATO E' NEI BAMBINI FINO A TRE ANNI DI 3 GR AL GIORNO.

NEI BAMBINI DA 4 A 8 ANNI IL FABBISOGNO E' DI 3,8 GR AL GIORNO.

NEI RAGAZZI DA 9 A 13 ANNI IL FABBISOGNO E' DI4,5 GR AL GIORNO

NEGLI ADOLESCENTI (14/18 ANNI ) E NEGLI ADULTI, LA DOSE DI POTASSIO CONSIGLIATA E' DI 4,7 GR AL DI .

NELLE NUTRICI E' CONSIGLIATO L'USO DI 5,1 GR DI POTASSIO AL GIORNO

DA TENERE PRESENTE CHE NEI TOPI A DIETA IPERSODICA ALL'8%, L'AGGIUNTA DI CLORURO DI POTASSI HA ALLUNGATO LA VITA DI 8 MESI , PARI A 32 ANNI DI VITA UMANA.

GLI ATLETI CHE ESEGUONO ESERCIZI PESANTI DEVONO AUMENTARE L'INTRODUZIONE DI POTASSIO.

NEGLI ANZIANI LA SOMMINISTRAZIONE DI SALI DI POTASSIO DEVE TENERE CONTO DELLA FUNZIONALITA RENALE , PER LO PIU'COMPROMESSA A TARDA ETA'.

 

ICTUS E POTASSIO

 

 

KHAW E BARRETT.CONNOR HANNO ANALIZZATO IL RAPPORTO POTASSIO ALIMENTARE E FREQUENZA DI ICTUS IN UN GRUPPO DI INDIVIDUI SOPRA I 50 ANNI NEL RANCHO BERNARDO IN CALIFORNIA PER LA DURATA DI 12 ANNI.

NEL GRUPPO CON ASSUNZIONE DI POTASSIO INFERIORE A 49 MeQ (1950 GR)DI POTASSIO AL GIORNO ESISTEVA UNA MORTALITA' DA ICTUS UGUALE AL 5,3%.

QUANDO L'ASSUNZIONE DI POTASSIO ERA UGUALE A 66 mEq DI POTASSIO AL GIORNO LA MORTALITA' ERA DEL 2,1%.

QUANDO L'ASSUNZIONE DI POTASSIO ERA SUPERORE A 67 mEq (2,7 GR ) AL GIORNO NON ESISTEVANO CASI DI MORTALITA' DA ICTUS.

USANDO QUESTI DATI CORRETTI SI PUO' DEDURRE CHE UN AUMENTO DI 10 mEq (400 MG) AL GIORNO COMPORTA UNA RIDUZIONE DEI CASI DI ICTUS DEL 10% CIRCA.(KHAW KT, BARRETT-CONNOR E. N ENGL J MED1987316 :235-240).

GLI STESSI RISULTATI OTTENUTI CON L 'AUMENTO DI FRUTTA E VERDURA CRUDA SONO STATI OSSERVATI NELLA PREVENZIONE DEL CANCRO.(COLDITZ GA E COLL. AM J CLIN NUTRITION 19854132-36

 

 

MORTALITA' E RAPPORTO SODIO/POTASSIO

 

LA MORTALITA' DA ECCESSO DI SODIO E 'CARENZA DI POTASSIO E 'STATA STUDIATA IN GRUPPI DI RATTI SHRsp SODIOSENSIBILI CON DUE DIETE DIVERSE ,UNA CONTENETE LO 0,75% DI POTASSIO , UNA CONTENENTE IL 2,1% DI POTASSIO.

LA MORTALITA' A 4 MESI E' STATA DELL'83% NEI RATTI CON DIETA SCARSA DI POTASSIO , DEL 2,1% NEI RATTI CON DIETA RICCA DI POTASSIO.

 

 

OSTEOPOROSI E POTASSIO

 

 

NUMEROSISSIMI STUDI HANNO CONFERMATO UNO STRETTO RAPPORTO TRA IL CONTENUTO DI POTASSIO ALIMENTARE E LA DENSITA' OSSEA.

DA QUESTI STUDI RISULTA CHE UNA DIETA RICCA DI FRUTTA E VERDURA PREVIENE L'INSORGENZA DI OSTEOPOROSI E IL RISCHIO DI FRATTURE .

QUESTA AZIONE DEL POTASSIO E' DOVUTA ALLA AZIONE ALCALINIZZANTE , CHE RSPARMIA IL CALCIO OSSEO.

 

 

CALCOLOSI RENALE E POTASSIO

 

 

L'ECCESIVA CALCIURIA AUMENTA IL RISCHIO DI CALCOLOSI RENALE,LA CALCIURIA E' MOLTE VOLTE DOVUTA A ALIMENTAZIONE IPERACIDA E IPERPROTEICA.

L'AUMENTO DEL POTASSIO ALIMENTARE CON L'AUMENTO DI FRUTTA E VERDURA HA PROVOCATO RIDUZIONE DELLA CALCOLOSI RENALE E HA RIDOTTO LA CALCIURIA.

IN 2 STUDI UNO SU 45.000 UOMINI SEGUITI PER 4 ANNI E UNO SU 90.000 DONNE SEGUITE PER 12 ANNI SI E' ACCERTATO CHE I SOGGETTI CON LA PIU' ALTA INTRODUZIONE DI POTASSIO ERANO MENO SOGGETTI A CALCOLOSI RENALE.

 

 

 

SINTOMI DI IPOKALIEMIA:

 

 

1)STANCHEZZA

2)DEBOLEZZA MUSCOLARE

3)CRAMPI AGLI ARTI

4)DISORDINI NERVOSI

5)INSONNIA

6)IPERTENSIONE

7)STITICHEZZA

8)DANNI MUSCOLARI

9)ARITMIE

10)AUMENTO DEL PESO

 

SINTOMI DI IPERKALIEMIA:

 

1)IRRITAZIONE GASTRICA

2)POSSIBILI ARITMIE E NEI CASI ESTREMI ARRESTO CARDIACO

 

SALE (CLORURO DI SODIO)

 


Il sale viene aggiunto sia per la conservazione degli alimenti ,possiede infatti una forte azione battericida , sia per il gusto .

L'eccesso alimentare di sodio provoca ipertensione e l'aumento pressorio provoca il 62% degli ictus e il 49% degli infarti.

I RENI UMANI DA MILIONI DI ANNI ADATTATI AD UNA ALIMENTAZIONE POVERA DI SODIO NON SONO ADEGUATI AD UN ECCESSIVO CARICO DI SODIO : I GLOMERULI RENALI VANNO INCONTRO A CALCIFICAZIONE I TUBULI RENALI VANNO INCONTRO A DILATAZIONE E IL NUMERO DEI GLOMERULI RENALI SI RIDUCE NEGLI ANNI FINO A DIMEZZARSI A 60 ANNI.

L'eccesso di sale provoca pertanto ipertensione , insufficienza renale, osteoporosi,ulcera e cancro dello stomaco.
Tutte le persone nel mondo occidentale seguono una dieta ricca di sale e solo una percentuale diventa ipertesa , un' altra percentuale non lo diventa, pertanto è stata individuata una diversa sensibilità al sodio nei vari individui e tutti gli individui sono stati distinti in sodio sensibili e sodioresistenti

.

SODIO SENSIBILITA'

 


Secondo Kawasaki e coll. (1) i pazienti sodiosensibili tendono a trattenere sodio, aumentare di peso e quando assumono notevole quantità di sodio sviluppano ipertensione ,i pazienti sodioresistenti tendono a non aumentare di peso e di pressione assumendo diete sia ad elevato sia a scarso contenuto di sodio.


Si definiscono sodiosensibili quei soggetti ,che dopo una forte somministrazionedi sodio 200-400mmol/giorno, per 10-30 giorni presentano aumento della pressione di 10 mmHG ; i soggetti che non presentano aumento pressorio sono definiti sodioresistenti (2 ) .


I soggetti di razza nera ,i maschi, gli anziani sono i più sodio sensibili .Secondo Weinberger dell' Università di Indianapolis il 26 % degli americani con pressione normale e il 58 % di quelli ipertesi sono sodiosensibili .


Essi sono a rischio di morte precoce per malattie cardiocircolatorie , la sodiosensibilità predispone difatti alla mortalità indipendentemente dall'ipertensione .(22 )

 

FABBISOGNO DI SODIO

IL FABBISOGNO GIORNALIERO DI SODIO VIENE STIMATO DA MOLTI ESPERTI DA 400 MGR A 1 GR DI SODIO AL GIORNO ,CONTRO UN CONSUMO EFFETTIVO DA 6 GR A 18 GR DI CLORURO DI SODIO .


L' INTOSSICAZIONE ACUTA DI SODIO SI VERIFICA SI VERIFICA CON 35 -40 GR DI SODIO AL GIORNO , LA TOSSICITA' CRONICA CON MOLTO MENO (3) .


L' ECCESSO DI SODIO COMUNE NELLE POPOLAZIONI DEL MONDO OCCIDENTALE PROVOCA DANNI A TUTTE LE CELLULE DELL' ORGANISMO .
QUESTI DANNI SI VERIFICANO ANCHE IN ALTRE SPECIE DI MAMMIFERI ,SOTTOPOSTE A CARICO ALIMENTARE DI SODIO .


AD ESEMPIO NEI TOPI A DIETA IPERSODICA ( ALL'8 %) SI OSSERVA UN ACCORCIAMENTO DELLA DURATA DELLA VITA. (5 )


I CANI CARNIVORI SI SONO PIU' EVOLUTI E SONO MOLTO PIU ' RESISTENTI
AL SODIO DELL' UOMO , CHE HA UNA STORIA COME TUTTI I PRIMATI DI FRUGIVORO
IL CANE PUO' CONSUMARE QUANTITA' ENORMI DI SODIO SENZA SUBIRNE CONSEGUENZE .(6 )


PER PROVOCARE IPERTENSIONE ARTERIOSA NEI CANI BISOGNA ASPORTARE IL 70 % DEL TESSUTO RENALE E SOMMINISTRARE ACQUA CONTENENTE SALE ALLO 0,9 % , SE IN UN SECONDO MOMENTO SI RITORNA A SOMMINISTRARE ' ACQUA NORMALE PRONTAMENTE L'IPERTENSIONE SCOMPARE .(21 )

NELL'UOMO, NEI SOGGETTI SODIOSENSIBILI OLTRE ALL' AUMENTO DEL PESO E DELLA PRESSIONE , TUTTE LE PROPRIETA' DELL' ORGANISMO :
L' INTELLIGENZA , LA MEMORIA , LA CONCENTRAZIONE MENTALE , LA MEMORIA ,,L' EREZIONE SESSUALE ,LA POTENZA SESSUALE, LA FORZA , LA RESISTENZA ALLO SFORZO ,L' AGILITA' , LA
CAPACITA' VISIVA, VENGONO COMPROMESSE DALL'ECCESSO DI SALE , PERCHE' IL SODIO POSSIEDE UNA MARCATA AZIONE VASOCOSTRITTRICE E FORTEMENTE IDROFILA .

 

UN GRAMMO DI SODIO TRATTIENE INFATTI 270 CC. DI ACQUA (19).


INOLTRE IL SODIO IN ECCESSO SPOSTA IL POTASSIO NEI COENZIMI DELLA GLICOLISI , E COMPROMETTE LA SINTESI DI ATIPI IL CARBURANTE DELLE CELLULE . (7 )

Il sodio è molto diffuso in natura, è il più abbondante degli elementi alcalini , ed è il settimo elemento per quantità nella crosta terrestre.

IL SODIO E' INDISPENSABILE PER LA VITA , E IN SUA ASSENZA LA VITA E' IMPOSSIBILE , NOI INGERIAMO SODIO SOPRATTUTTO TRAMITE IL SALE O CLORURO DI SODIO, CHE E 'COSTITUITO PER IL 60% DI CLORO E PER IL 40 %
DI SODIO .
TUTTI GLI ESSERI VIVENTI , AD ECCEZIONE DELL' UOMO INTRODUCONO PICCOLE QUANTITA' DI
SODIO, IN RAPPORTO AL CONTENUTO DI SODIO
NEGLI ALIMENTI SENZA AGGIUNTE, E LA LORO VITA PROCEDE AVANTI COSI' DA MILIONI DI ANNI .


L' ECCESSO DI SODIO DETERMINA DANNI IN VARIE VIE :
IL SODIO ENTRA IN COMPETIZIONE CON IL POTASSIO NELLE REAZIONI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA E PROVOCA L'ELIMINAZIONE CON L' URINA DI POTASSIO E
MAGNESIO, INDUCENDO STANCHEZZA E DIMINUITA RESISTENZA ALLA FATICA.
IL SODIO TRATTIENE LIQUIDI ( 13 ), PROVOCANDO MARCATO AUMENTO DEL VOLUME DEI LIQUIDI EXTRACELLULARI E DI CONSEGUENZA DEL PESO, DELLA PRESSiO NE ARTERIOSA, DELLE RESISTENZE PERIFERICHE .


DUSTAN PUNTUALIZZA CHE UNA RITENZIONE DI SOLI 20 MEQ DI SODIO (1,2 GR ) LA SETTIMANA, PORTA AD UN ACCUMULO DI UN LITRO DI LIQUIDO LA SETTIMANA.(8)


IL SODIO TRAMITE SCAMBIO CON IL CALCIO PROVOCA MARCATA VASOCOSTRIZIONE , AUMENTA LE RESISTENZE PERIFERICHE, RIDUCE IL FLUSSO DI SANGUE PERIFERICO E INFLUENZA NEGATIVAMENTE TUTTE LE FUNZIONI DELL' ORGANISMO,( SECONDO BLAUSTAIN UN AUMENTO DEL 5 % DEL SODIO INTRACELLULARE FA AUMENTARE IL CALCIO INTRACELLULARE IN MODO TALE DA PROVOCARE AUMENTO DEL TONO DELLA MUSCOLATURA LISCIA VASALE DEL 50 %) (9).

INTRODUCENDO UN ECCESSO DI SODIO SI VIVE PERTANTO IN CONTINUO STATO DI SPASMO ARTERIOLARE, QUESTA CONDIZIONE PREGIUDICA IL FLUSSO DEL SANGUE IN TUTTI GLI ORGANI.

 

IL SODIO ,TRAMITE SCAMBIO CON IL CALCIO ,PORTA ACCUMULO DI CALCIO NEL CITOPLASMA CELLULARE DETERMINANDO INVECCHIAMENTO PRECOCE E CALCINOSI ARTERIOSA E RENALE (10).


SECONDO AUTORI GIAPPONESI UNA DIETA IPERSODICA ALL' 8% NEI TOPI SODIOSENSIBILI , PROVOCA RIDUZIONE DEI CAPILLARI DEL CUORE DA 4529 A 1276 PER MM2 ,MENTRE LA MASSA DEL VENTRICOLO SINISTRO AUMENTA DA 2,64 GR A 4,51 GR .(11 )


L' ECCESSO DI SALE PROVOCA AUMENTO DEL CONSUMO DI ENERGIA, (IL SODIO VIENE DIFATTI POMPATO DALL' INTERNO DELLE CELLULE FUORI DALLE CELLULE CONTROGRADIENTE) , QUESTO AUMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E' PROPORZIONALE ALL'INTROITO DI SALE E ALLA SODIEMIA.

 

PER MEGLIO CHIARIRE IL PROBLEMA DEL CONTENUTO DI SODIO INDICHIAMO VARIE MISURE =


1 GR DI SODIO = 43 mEq
1/4 CUCCHIAINO DI SALE = 500 MG DI SODIO
½ CUCCHIAINO DI SALE = 1000 MG DI SODIO
¾ CUCCHIAINO DI SALE = 1500 MG DI SODIO
1 CUCCHIAINO DI SALE = 2000MG DI SODIO

IN CASI DI IPERTENSIONE GRAVE , DI GRAVE INSUFFICIENZA CARDIACA , DI CIRROSI ASCITOGENA O PER I SOGGETTI SODIOSENSIBILI NON CONVIENE SUPERARE I DOSAGGI PIU' BASSI , NEI CASI DI INSUFFICIENZA CARDIACA PIU' GRAVI ( NYA 4 ), SI CONSIGLIA RIDURRE L' INTROITO DI SODIO A 0,2 GR AL GIORNO .

SULLA BASE DEI RISULTATI DELLO STUDIO INTERSALT ,UNO STUDIO SU 10079 UOMINI E DONNE IN 52 CENTRI DI 32 PAESI E' STATO CONSTATATO CHE UN CALO DELL'INTROITO DI SODIO DI 100
MMOL/GIORNO (2,3GR ) ( 43MMOL=I GR DI SODIO) PROVOCA UN CALO DELLA PRESSIONE SISTOLICA DI 9 MM/HG.


QUESTO SIGNIFICHEREBBE UNA RIDUZIONE DELLA MORTALITA'CORONARICA DEL 16 % ,UNA RIDUZIONE DELLA MORTALITA' PER ICTUS DEL 23 % , E DELLA MORTALITA' GENERALE DEL 13 %. (21 FONTE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA')

RECENTI STUDI HANNO CHIARITO CHE L'ECCESSO DI SODIO INCREMENTA LA SINTESI DI ANGIOTENSINA 2 E PROVOCA FORTE AUMENTO DI NUMERO DEI RECETTORI PER L' ANGIOTENSINA 2 .(14 ) NEI CANI E NEI RATTI MESSI A DIETA IPERSODICA SI E' RISCONTRATO FORTE AUMENTO DEL TASSO DI COLESTEROLO NEL SANGUE .( 15 )
IN SOGGETI IPERCOLESTEROLEMICI MESSI A DIETA IPOSODICA SEVERA SI E' RISCONTRATO SENSIBILE CALO DEL TASSO DI COLESTEROLEMIA.

Il sodio è da tempo conosciuto come essenziale per la vita, ma il vero problema è di determinare il fabbisogno effettivo per l' uomo .

Molte ricerche hanno dimostrato che gli uomini con normale funzione renale mantengono il bilancio salino introducendo mezzo grammo di sodio al giorno , pari ad un grammo di sale al di ( 2).

Attualmente si stima che l'assunzione media di sale sia da 10 a 35 volte il fabbisogno .
L' indice più attendibile delle conseguenze del sodio sui mammiferi (ratti) è dato dagli indici di sopravvivenza .


La durata media della vita dei ratti, che ingeriscono una dieta con contenuto di sale , pari al 5,6 % si riduce di parecchi mesi , se il contenuto di sale raggiunge l'8,4 % ,vi è una diminuzione della durata della vita di 8 mesi , se si trasferisce questa percentuale all'uomo , essa corrisponde ad una riduzione della durata della vita di 32 anni.(12 )

In tutti i ratti trattati con dieta ricca di sodio e venuti a morte è stata praticata l'autopsia, e tutti i loro organi stati pesati .


Il peso del cuore e dei reni era aumentato in proporzione al cloruro di sodio nella dieta , e anche il livello della pressione arteriosa era proporzionale al cloruro di sodio nella dieta .


Secondo Werber e coll. su 37 ratti di razza Dahl messi ad una dieta all'8% di cloruro di sodio, tipo la dieta giapponese dopo 18 settimane , tutti erano morti per ictus .( 18)

NUMEROSISSIMI LAVORI SCIENTIFICI HANNO DIMOSTRATO CHE IL POTASSIO DIFENDE GLI ORGANISMI DALL' ECCESSO DI SALE .

IL CLORURO DI POTASSIO ALLUNGA LA VITA DEI RATTI MESSI A DIETA IPERSODICA DI 8 MESI ( PARI A 32 ANNI DI VITA UMANA ( 13 )
IL CLORURO DI POTASSIO ELIMINA IL RISCHIO DI ICTUS E DI MORTE NEI RATTI TRATTATI CON DIETA IPERSODICA (14 ).
DA QUESTI DATI VIENE UNA CHIARA EVIDENZA :


UNA DIETA RICCA DI POTASSIO PREVIENE LE LESIONI DELLE ARTERIE CEREBRALI E RENALI, ANCHE SE LA PRESSIONE ARTERIOSA RIMANE ALTA.(17 )

 

CONCLUSIONI


LA DIETA NATURALE PRATICATA DA TUTTI GLI ESSERI VIVENTI (CON ESCLUSIONE DEL COSIDETTO UOMO CIVILIZZATO ) ,RICCA DI POTASSIO E MAGNESIO ,SENZA AGGIUNTE DI SODIO ALLUNGA LA DURATA DELLA VITA STESSA , PROTEGGE LE CELLULE E LE FUNZIONI , RIDUCE O ELIMINA IL RISCHIO DI IPERTENSIONE, DI ICTUS E DI INFARTI.

POSSIAMO AFFERMARE CHE L'ECCESSO DI SALE ASSOCIATO ALA CARENZA DI POTASSIO , CHE COINVOLGE TUTTI I SOGGETTI DI OGNI ETA', E' DI GRAN LUNGA PIU' PERICOLOSO DEL FUMO , ESSO HA COSTI ELEVATISSIMI SIA PER GLI STATI (SPESE SANITARIE), SIA PER I SINGOLI CITTADINI IN TERMINI DI MORTALITA', DI ANNI DI VITA PERDUTA E DI INVALIDITA' PERMANENTI .


BIBLIOGRAFIA :

 
 

1) KAWASAKI T, DELEA CS, AMERIC JOUR MED 64:193,1978

2) WEINBERGER E ALL.; HYPERTENSION 1986 ;8 SUPPL. 11-127

3) MENEELY -BATTARBEE-LANUTRIZIONE ATTUALI CONOSCENZE -PAG 204 4) L.BLUM -PRESSE MEDICAL 28 :685.688- 1926

5) G.R.MENEELY E COLL -ANN.INT.MED.-47:263-273-1957

6) BATTARBIE E COLL.NUTRIZIONE ATT.CON. PAG-211

7) BYOCHEMISTRY -LEHNINGERN -PAG785

8) DUSTAN- AMERICAN J OF CARDIOLOGY 31-106-615 -1973

9) BLAUSTEIN MP J CARDIOVASCULAR PHARMACOLOGY 1988;12 S56

10) NYRO KINA E COLL. UNIV DI TOKIO AMER HEARTH ABSTRACT 3020 PAG53

12)MENEELY and C.O.T.BALL AM.J MED. 25:713-725,1958

13) MENEELY, C.O.T. BALL ANN.INT. MED 47 :263-273, 1957

14)SERNERI GGN e coll CIRCULATION1996;94:1886-1893 15)L.K.DAHL:J.ExpMed.112:635 -651, 1960

16) KHAW K.T ,CONNOR -BARRETT INT JEPIDEMIOL 1982 ;11: 372-3777

17) TOBIAN L. e coll J HYPERTENS 4(SUPPL):205,1986

18)WERBER Hypertension 1985; 7:59- 64 I

19)SCHIROSA G, MALATTIE DEL CUORE PAG.374
20)GUYTON FISIOLOGIA MEDICA PAG .312
21) COM. ESPERTI PER L' IPERTENSIONE DELL' O .M. SANITA' 1994 .GINEVRA
22 )WEINBERGER ( REUTERS ) SALT AND HYPERTENSION

23) 7-3-1 (HONGO,BUNKIO-KU TOKIO 113.8655 JAPAN,)

24)STROKE 39(11):30493056NOVEMBRE 2008.